ARCHIVIO

Teoria gender, problemi scuola sono altri

[caption id="attachment_176676" align="alignleft" width="300"] Il neoconsigliere regionale del Carroccio Franco Senarega: teoria gender nelle scuole, no grazie[/caption]

GENOVA. 27 NOV. Teoria gender? No, grazie. Stasera, durante la seduta consiliare comunale di Bogliasco, la sinistra presenta una mozione sulla promozione dei principi di pari opportunità e prevenzione alla violenza di genere e la Lega Nord si scatena contro l'ex candidato governatore della Liguria, paladino dei civatiani genovesi: "Non intendiamo entrare nel merito del documento, ma riteniamo di ricordare al parlamentare e sindaco Pastorino che le priorità nella scuola sono ben altre. Altro che pensare alla teoria gender. Pensiamo a tutti quegli edifici scolastici che cadono a pezzi o ai gravi problemi legati a graduatorie infinite e precariato. Ci sono problemi più impellenti da risolvere che pensare".

 

"Nelle scuole - dicono il consigliere regionale Franco Senarega e il consigliere comunale Angelo Celle - le criticità da risolvere vanno dai problemi strutturali a quelli del lavoro. Si pensi a tutti quegli edifici scolastici  che cadono a pezzi, in ultimo il crollo del cornicione della scuola Silvio Pellico a La Spezia a seguito del quale l’assessore regionale Scajola ha inviato una lettera al Miur, in cui sollecita il Governo a stanziare da subito i finanziamenti necessari per mettere in sicurezza gli edifici scolastici obsoleti. Ma non solo, pensiamo alla massiccia presenza di barriere architettoniche (nel 20% delle scuole liguri devono essere ancora abbattute) o al fatto che in alcuni istituti ci sia la presenza di amianto, senza contare i problemi legati a graduatorie infinite e precariato".