ARCHIVIO

Tentato rapimento bimbe, non c'è complice: forse solo una matta

[caption id="attachment_164271" align="alignleft" width="452"] Tentato rapimento di tre bimbe al parco dell'Acquasola da parte di una ragazzina: forse si tratta solo di una con problemi psichici, non aveva complice[/caption]

GENOVA. 21 MAG. Emergenza pericolo rapimenti bimbi in città: episodio inquietante, ma che nella sua gravità si starebbe ridimensionando.

La ragazzina, dell'apparente età di 14/15 anni, che ieri ha tentato di rapire tre bambine nel parco dell'Acquasola di Genova,  non avrebbe un complice, avrebbe agito da sola e potrebbe avere problemi psichici. Pertanto, non si tratterebbe di una banda di malviventi a caccia di bambini da rapire.

Secondo le indagini degli investigatori della squadra Mobile, non risulta che l'adolescente fosse attesa da un'auto con a bordo qualcuno.

"Quella ragazzina aveva i capelli biondi, sul castano molto chiaro" hanno riferito alcuni genitori testimoni del gravissimo episodio.

La ragazzina era stata fermata da una delle madri delle bambine: "indossava una giacca di jeans e aveva un cindolo con la scritta Elisabetta", alla quale avrebbe riferito che c'era suo papà in auto ad aspettarla, ma in realtà si sarebbe allontanata dal parco da sola, facendo perdere le tracce.

Non è stata ancora trovata. E' verosimile che possa trattarsi di una ragazzina non seguita dalla famiglia, che di giorno gira da sola per la città.