ARCHIVIO

Tensione al corteo: automobilisti inferociti, interviene Digos

[caption id="attachment_188340" align="alignleft" width="666"] Corteo Ilva: l'improvviso blocco di Sopraelevata e casello Genova Ovest con tratto finale A7 e via di Francia chiusi, alcuni automobilisti in trappola inferociti[/caption]

GENOVA. 26 GEN. Città spezzata in due: non si passa da una parte, né dall'altra, almeno fino a stasera se i manifestanti non cambieranno idea nel frattempo. Alcuni automobilisti inferociti per l'improvviso blocco della città stamane sono scesi dalle vetture e hanno protestato contro i lavoratori Ilva sfilati in corteo fino alla Sopraelevata e al casello di Genova Ovest, provocando la chiusura di entrambi.

Gli automobilisti hanno spiegato che anche loro sono lavoratori e che si stavano appunto recando al lavoro. Altri hanno rinfacciato a quelli dell'Ilva di non avere avvertito del corteo, né del blocco stradale in cui sono rimasti intrappolati. A calmare gli animi sono stati gli agenti della Digos, prontamente intervenuti perché l'acceso dissidio non si trasformasse in rissa.

La coda sulla Sopraelevata ha raggiunto quasi i quattro chilometri di coda. Poco fa è stata chiusa anche via di Francia. Sopraelevata e tratto finale dell'A7 sbarrate ai veicoli come minimo fino a stasera, se i manifestanti non decideranno di muoversi verso il centro città.