ARCHIVIO

Super Asl ligure, nomina lumbard Locatelli contestata da Pd e M5S

[caption id="attachment_212829" align="alignleft" width="728"] Walter Locatelli alla destra dell'assessore ligure alla Sanità Sonia Viale, fedelissima del governatore lombardo Bobo Maroni[/caption]

GENOVA. 6 AGO. "Locatelli nominato? Beh era ovvio. Hanno fatto una sesta ASL per trovare il posto a Locatelli. Un altro Lumbard che pagano i liguri". Il gruppo regionale del Pd ieri ha contestato così la nomina del nuovo numero uno di Alisa, la Super Asl ligure che coordinerà le altre 5 aziende.

"Tutto secondo copione - ha aggiunto il gruppo regionale del M5S -Ora sappiamo ufficialmente a cosa serviva davvero la “super” Asl Alisa: a trovare una poltrona (ben remunerata) a Walter Locatelli, la figurina che mancava a Toti e Viale per completare l’album tutto lombardo dei nominati in Liguria. Rigorosamente a carico dei cittadini, che pagheranno a caro prezzo e sulla propria pelle il nuovo modello privato sanitario: più costi e poltrone, meno servizi e assistenza".