Home Cronaca Cronaca Genova

Spese pazze, Corte dei Conti: prescrizione per Abbundo e Marcenaro (Pdl)

4
CONDIVIDI
Corte dei Conti

GENOVA. 22 SET. Inchiesta della procura contabile sulle cosiddette “Spese pazze”: i giudici della Corte dei Conti della Liguria ieri hanno stabilito che gli ex consiglieri regionali del gruppo ‘Moderati per il Pdl’, Nicola Abbundo e Matteo Marcenaro non dovranno risarcire il presunto danno erariale perché è intervenuta la prescrizione.

La procura contabile, nell’ambito dell’inchiesta, aveva chiesto ai due ex consiglieri regionali un risarcimento di oltre 33mila euro. Il periodo preso in considerazione riguarda le rendicontazioni delle spese sostenute dal gruppo nei primi 5 mesi del 2010.

Dalle indagini svolte dalla procura della Corte dei Corti erano emerse numerose spese considerate non inerenti all’attività istituzionale, come acquisti di libri o riviste, cravatte, spese di ristorazione e di rimborsi telefonici. La procura contestava anche una fattura di 27mila euro per l’affissione di alcuni manifesti natalizi giudicati satira politica dalla difesa, ma per l’accusa si tratterebbe invece di spese non consone.


Per i giudici però, già come accaduto per gli ex consiglieri regionale Udc Luigi Patrone e Rosario Monteleone, i fatti sono prescritti.

 

4 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here