Home Consumatori Consumatori Italia

SoGeGross e Basko richiamano ostriche per presenza di biotossine PSP

1
CONDIVIDI
Ruba liquori alla Basko e prende a gomitate responsabile: italiano arrestato

Il gruppo SoGeGross, operante nella grande distribuzione organizzata all’ingrosso ed al dettaglio con le insegne Basko, Doro Supermercati ed Ekom, ha richiamato un lotto di ostriche (Crassostrea gigas), prodotte da Za-Mar Srl, per la presenza di biotossine PSP oltre i limiti di legge.

Il prodotto richiamato appartiene al lotto 09310-1, ed è stato venduto tramite la formula Cash&Carry tra il 9 e il 14 novembre in cassette di legno o plastica da 1-3 kg.

Le ostriche sono state confezionate nello stabilimento Za-Mar di Ariano nel Polesine (Rovigo).


L’allerta è partita dalla Francia, paese di origine dei molluschi, ed è arrivata in Italia e in Spagna attraverso il sistema Rasff, che considera il rischio serio.

Nelle ostriche richiamate sono state riscontrate biotossine del tipo PSP (Paralytic Shellfish Poisoning), responsabili di un’intossicazione paralizzante si trovano in molluschi, come pure in cozze e ostriche.

I molluschi possono concentrare elevati livelli di biotossine algali, come la saxitossina, che provoca paralisi muscolari.

I primi sintomi (nausea, vomito, mal di testa, intorpidimento) si manifestano dopo mezz’ora dall’ingestione.

Anche Basko richiama un lotto di ostriche Almar per presenza di biotossine PSP.

Almar ha richiamato un lotto di ostriche della specie “Crassostea gigas” per la probabile presenza di biotossine marine PSP oltre i limiti previsti dalla normativa vigente. A diffondere l’avviso di richiamo sul proprio sito, è stata la catena di supermercati Basko nella sezione “Richiamo prodotti” che ha proceduto immediatamente a ritirare i molluschi dalla vendita.  Nello specifico si tratta del lotto AL 171152 codice 70458.01 prodotto da Almar. Le tossine PSP provocano una tossinfezione a carico del sistema nervoso causando l’arresto della trasmissione degli impulsi nervosi nei nervi periferici e nei muscoli scheletrici.

Nei casi più gravi provocano la morte per paralisi respiratoria ed arresto cardiaco.

I molluschi, pertanto, non sono considerati sicuri per il consumo umano diretto, per cui Almar ha ritenuto utile intervenire ai fini della Sicurezza Alimentare con il “declassamento temporaneo”.

Si raccomanda a chi ha acquistato le ostriche del lotto richiamato, di restituirle presso il punto vendita d’acquisto unitamente alla fattura.

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, viene raccomandato a coloro che hanno acquistato il prodotto con medesimo lotto di appartenenza, di non consumarlo  e di riportarlo al punto vendita che provvederà al rimborso.

1 COMMENTO

  1. Ormai il mare e’ diventato una discarica…gli allevamenti di molluschioi,peggio ancora,visto che i molluschi stanno fermi e filtrano l’acqua(sporca)trattenendo il nutrimento,in gran parte costituito da m….che noi umani produciamo in enormi quantita’

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here