ARCHIVIO

Sindaco Pd: smantellare campo Roja, non ne possiamo più dell'invasione

Progressivo smantellamento del parco Roja anche alla luce delle modifiche al Trattato di Dublino, monitoraggio di tutte le organizzazioni di assistenza di soggetti migranti, richiesta di istituzione dell'operazione strade sicure e intensificazione dei servizi di prossimità al tessuto commerciale cittadino, ma anche lotta all'abusivismo commerciale, sgombero immediato delle aree del demanio fluviale e più in generale di tutte le aree pubbliche da soggetti senza fissa dimora che verranno identificati come saranno identificati e allontanati tutti coloro che effettuano 'accattonaggio molesto'.

Sono alcune delle richieste contenute nella mozione presentata dalle minoranze consiliari approvata ieri sera dal consiglio comunale di Ventimiglia con il voto favorevole del sindaco Enrico Ioculano (Pd) e di tutta la maggioranza, ad eccezione del consigliere Diego Ferrari (Pd) che si è astenuto.

Alcuni giorni fa, nel corso di un vertice in Prefettura, riguardo alla possibilità di un'azione coattiva nei confronti dei migranti accampati nel greto del fiume Roja, la prefetta di Imperia Silvana Tizzano aveva spiegato che non si può procedere all'allontanamento dei migranti, lasciati liberi di circolare sul territorio italiano.

Secondo il consiglio comunale di Ventimiglia, invece, andrebbero allontanati dal territorio non solo per una questione di insicurezza e degrado, ma anche per ragioni di carattere sanitario: pulizie e disinfestazioni non bastano più.