ARCHIVIO

Sicurezza, Pd attacca Bucci e Garassino: passeggiate notturne FN pericolose

"In cosa consistono esattamente le passeggiate della sicurezza? Cosa ci dobbiamo immaginare? Un gruppo di valorosi cittadini che, armato speriamo solo di troppa intraprendenza, scende in strada per sconfiggere il crimine? Si tratta forse di un eufemismo per quelle che in realtà sono delle pericolose ronde? Lo chiediamo a Forza Nuova Genova e ai suoi militanti".

I consiglieri del gruppo comunale e gli esponenti della segreteria del Pd genovese ieri hanno preso una dura posizione contro le passeggiate notturne per la sicurezza, che lo scorso fine settimana sono state portate avanti alla Foce dai giovani di Forza Nuova (v. articolo precedente).

"Loro senz'altro sapranno darci una risposta - hanno aggiunto quelli del Pd - considerato che in questi giorni hanno pensato di organizzarle in zona Foce e di affiggere sui muri della zona un volantino che invita i cittadini a partecipare alle passeggiate della sicurezza a cui il quartiere sarebbe sottoposto.

Sottoposto da chi? Non esiste forse già in Comune un Assessorato preposto a occuparsi proprio di Sicurezza?
Cosa pensa l'assessore Garassino di questa singolare iniziativa? Ci piacerebbe saperlo.

Mentre aspettiamo le risposte, diciamo quello che ne pensiamo noi e ricordiamo a Forza Nuova alcuni principi elementari: in qualsiasi Stato democratico i cittadini contribuiscono alla sicurezza della collettività, lo fanno attraverso la correttezza dei loro comportamenti e il rispetto delle norme a tutela della convivenza civile. Alle forze dell'ordine spetta poi prevenire e sanzionare reati e comportamenti contrari alla legge. Ogni tentativo della popolazione di sostituirsi alle forze dell'ordine è pericoloso e dannoso per tutti.

Ci auguriamo che gli stessi principi vengano condivisi anche dall'assessore Garassino. E che l'Amministrazione guidata da Marco Bucci sappia sanzionare e impedire ogni tentativo di manipolare in maniera strumentale le paure della popolazione e il giusto desiderio di vivere in un quartiere sicuro, a cui occorre dare risposte serie e rispettose delle istituzioni".