ARCHIVIO

Shaimaa era morta un anno fa uccisa in una manifestazione pacifista

[caption id="attachment_189407" align="alignleft" width="600"] Shaimaa El Sabbagh era stata uccisa durante una manifestazione pacifita[/caption]

[caption id="attachment_189408" align="alignleft" width="269"] Shaimaa El Sabbagh era stata uccisa durante una manifestazione pacifita[/caption]

IL CAIRO. 2 FEB. Shaimaa El Sabbagh, operaia e attivista socialista, madre di un bimbo di 5 anni, da sempre impegnata in difesa dei dei diritti dei lavoratori delle fabbriche di Alessandria era stata uccisa sabato 24 gennaio 2015 al Cairo, mentre durante una manifestazione pacifica portava fiori e rose a Tahir per commemorare i morti delle rivolte del 2011. Ad ucciderla un poliziotto che gli ha sparato un proiettile di gomma da pochi metri di distanza, che gli ha perforato cuore e polmoni.

E' morta in braccio a suo marito, che cercava di portarla in salvo e a fianco del suo bimbo in lacrime.

In ospedale, per dare l'autorizzazione per la sepoltura, hanno chiesto ai familiari di dire che si è trattato di suicidio e dal momento della morte, i media egiziani hanno iniziato a dare una versione completamente insensata sulle circostanze della sua fine, puntando il dito addirittura contro i suoi compagni del partito socialista.

Dopo un anno la piangono ancora i suoi cari e tutti colore che credono nei valori di libertà, ma ancora oggi in Egitto la repressione che colpisce i movimenti islamisti, i partiti laici, i partiti di sinistra ed i movimenti giovanili è la conseguenza del fallimento delle rivolte che qualche anno fa, hanno dato vita alla cosiddetta primavera araba.

FRANCESCA CAMPONERO