ARCHIVIO

Senegalesi in piazza della Commenda con Garassino (Lega): non siamo mafiosi

Dopo la maxi retata di spacciatori e narcotrafficanti dei giorni scorsi, un gruppo di circa 200 senegalesi con i rappresentanti della comunità africana che risiede a Genova (circa 2mila), ieri sono scesi in piazza della Commenda per manifestare contro le mafie e lo spaccio di droga in città. Con loro c'era anche l'assessore comunale alla sicurezza Stefano Garassino (Lega).

"Noi non siamo mafiosi - hanno spiegato gli immigrati - ma integrati nella società genovese. Il problema della sicurezza e dello spaccio di droga colpisce anche noi. Se alcuni connazionali sono dei delinquenti, non si può far ricadere la responsabilità sull'intera comunità senegalese".

"E' stato un presidio molto importante - ha aggiunto uno degli organizzatori Mamadou Bousso - dal punto di vista del contenuto. Il messaggio che abbiamo trasmesso è NO alla mafia per rivendicare il diritto alla legalità per tutti. Gli immigrati sono parte integrante della città non sono extra, come alcuni li chiamano o li vorrebbero".

"Ho accettato di partecipare alla manifestazione - ha spiegato Garassino - perché è importante che anche loro si dissocino e prendano le distanze dagli episodi di criminalità che avvengono sul nostro territorio. Ora ci aspettiamo che con la collaborazione e l'impegno di tutti la nostra Genova diventi più sicura e vivibile".