Home Cronaca Cronaca Italia

Scuola, al via la prima prova scritta per mezzo milione di studenti

0
CONDIVIDI
Esame Maturità

Al via, in tutta Italia, questa mattina, alle 8.30 la prima prova scritta dell’esame di maturità per oltre mezzo milione di studenti italiani. A Genova sono 6274 gli studenti che danno la maturità.

Quella di oggi è la prima delle tre prove scritte dell’esame di Maturità. Gli studenti dovranno confrontarsi con il classico tema di italiano.

Diverse le possibilità di scelta: analisi del testo, saggio breve o articolo di giornale, tema di carattere storico e tema di attualità il tutto per un tempo massimo di 6 ore.

Domani ci sarà la seconda prova caratteristica per ogni indirizzo di studi.

A seguire, infine, ci sarà la terza prova (lunedì 25 giugno) e poi gli esami orali.

Questi gli argomenti della prima prova: Giorgio Bassani con un brano tratto dal suo libro più famoso Il Giardino dei Finzi Contini; De Gasperi e Moro per il tema storico; il principio dell’uguaglianza formale e sostanziale nella Costituzione per il tema di ordine generale per il saggio o articolo di giornale.

Il Ministero dell’Istruzione ha proposto ‘La solitudine’ di Alda Merini per il componimento artistico-letterario, masse e propaganda per quello storico-politico, e il dibattito bioetico sulla clonazione per il tecnico-scientifico.

Quella di quest’anno sarà l’ultima maturità che si svolge secondo questa modalità.

Dall’anno prossimo cambiano alcuni aspetti. Primo fra tutti i criteri di ammissione.

Non sarà più necessario avere la sufficienza in tutte le materie ma basterà concludere l’anno con la media del sei.

Seconda novità riguarda le prove scritte che passeranno da tre a due. La modifica è stata approvata con un decreto del gennaio del 2017 del passato governo Renzi.

Ieri il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, ha invitato agli studenti chiamati ad affrontare l’esame di maturità “stando tranquilli, e non farsi prendere dall’ansia.Sarà una prova importante sì ma l’importante è concentrarsi e cercare di essere determinati nell’affrontarla”.