ARCHIVIO

Salvatore (M5S): per Toti ogni indicazione di Maroni è oro colato

GENOVA. 26 GEN. "Toti non si è limitato a bocciare in Commissione il Reddito di cittadinanza, proposto dal MoVimento 5 Stelle, ma si è anche ben guardato dal proporre soluzioni alternative e praticabili, come quantomeno ha provato a fare il suo compagno di Trilaterale, Maroni, in Lombardia. Siamo al paradosso totale: la Giunta Toti prende per oro colato ogni indicazione giunga da Milano, dalle nomine degli amici lumbard alla privatizzazione selvaggia della sanità. Ma, quando si tratta di provvedimenti davvero utili (anzi necessari) per i cittadini liguri, lascia calare una scure di silenzio e imbarazzanti giustificazioni".

Lo ha dichiarato oggi la consigliera regionale del M5S Alice Salvatore.

"Un esempio? Secondo il governatore, non ci sarebbero le coperture per la nostra manovra e bisognerà attendere che da Roma arrivi il SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva). Peccato che le coperture ci sono eccome per una prima fase di sperimentazione, come dimostreremo in aula, dati di bilancio alla mano. Se solo ci fosse la volontà politica, decine di migliaia di liguri che vivono in miseria potrebbero essere aiutati dalla Regione.

Come MoVimento 5 Stelle non ci fermiamo certo qui, pronti a portare la battaglia in Consiglio regionale, dove la nostra proposta di legge per il Reddito di cittadinanza ligure approderà martedì 31 gennaio. Toti e la sua maggioranza dovranno giocare a carte scoperte e dare una risposta concreta agli oltre 100mila cittadini liguri che vivono al di sotto della soglia di povertà relativa. I nodi vengono al pettine".