ARCHIVIO

Roma, tafferugli per ragazza con bimbo sfrattata: 4 arresti

ROMA. 28 SET. Tafferugli tra forze dell'ordine ed esponenti di Forza Nuova che si opponevano allo sfratto di una ragazza con un bambino di tre anni per assegnare una casa popolare ad una famiglia di origine eritrea in via Giovanni Porzio al Trullo, quartiere a sud della capitale.

Alcuni militanti del movimento si sarebbero opposti allo sgombero della famiglia e avrebbero sbarrato l'ingresso ai nuovi assegnatari.

Ne sono nate tensioni con le forze dell'ordine sfociate nei tafferugli e gli arresti di alcuni componenti di Forza Nuova.

Secondo quanto si apprende durante le operazioni di sgombero, c’era la polizia municipale, la polizia e gli assistenti sociali ed un gruppo di circa 30 persone si è radunato per protestare davanti alla casa popolare dell'Ater, con i manifestanti avrebbero impedito l'ingresso dei nuovi assegnatari lanciando oggetti contro le forze dell'ordine presenti.

Alcuni agenti sarebbero rimasti feriti e per questo quattro militanti sono stati arrestati per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

Si tratterebbe di esponenti di Roma ai Romani e tra loro c'è anche il leader Giuliano Castellino.