ARCHIVIO

Rai, dal Cda via libera ai compensi oltre il tetto dei 240 mila euro

ROMA. 15 GIU. Il consiglio di amministrazione Rai, riunitosi sotto la presidenza di Monica Maggioni e alla presenza del Direttore generale Mario Orfeo, ha dato il via libera alla delibera sul piano per l'individuazione e la remunerazione dei contratti con prestazioni di natura artistica che possono superare il limite dei 240 mila euro.

Il piano, dopo aver sentito il parere dell’Avvocatura di Stato e del ministero per lo Sviluppo economico, mira a “tutelare il futuro aziendale”. Nello stesso tempo “l'obiettivo è quello di salvaguardare la necessità di stare sul mercato continuando a svolgere al meglio la missione di servizio pubblico”.

Il documento precisa come “possono considerarsi di natura artistica le prestazioni in grado di offrire intrattenimento generalista oppure di creare o aggiungere valore editoriale”.

Il piano prevede una riduzione dei compensi in misura almeno pari al 10% che andrà ad aumentare progressivamente con il salire degli importi.