ARCHIVIO

Prova della maturità anche per il serial killer Donato Bilancia

[caption id="attachment_206500" align="alignleft" width="845"] Il serial killer genovese Donato Bilancia sarà ragioniere[/caption]

PADOVA. 23 GIU. Dagli omicidi alla Barbellotta a quelli di Genova e perfino sui treni, alla prova della maturità per diventare ragioniere.

Acchiappato dagli investigatori dei carabinieri, anche grazie al Dna prelevato da una tazzina del caffé in un bar di Sturla, è stato giudicato uno dei serial killer italiani più feroci. Tuttavia, in questi giorni è diventato anche uno dei 6.846 candidati padovani all'esame di Stato per la maturità e a breve, probabilmente, diventerà ragioniere.

Condannato a 13 ergastoli per 17 omicidi, il genovese Donato Bilancia da tempo sarebbe diventato "un detenuto e studente modello" e "una persona gentile e colta" che "parla correttamente spagnolo, inglese, francese e legge molti libri". Almeno secondo gli educatori del carcere Due Palazzi a Padova, dove è stato trasferito dopo una permanenza nella casa circondariale di Chiavari.

Il pluriassassino, oggi 65enne, dopo aver studiato cinque anni consecutivi, si è impegnato per ottenere il diploma di ragioneria e ieri ha affrontato la prima prova dell'esame di Stato in carcere con una commissione collegata all'istituto Gramsci-Einaudi.