ARCHIVIO

Porta a porta, romeno insiste e pensionato prende fucile: ora sloggia

[caption id="attachment_210675" align="alignleft" width="558"] Porta a porta insistente: stavolta il pensionato ha reagito,ma è finito nei guai[/caption]

GENOVA. 21 LUG. Insicuri e poco tranquilli a casa nostra: se un innocuo incensurato solo s'azzarda a reagire, finisce nei guai.

L'altro giorno a Pegli un giovane romeno del porta a porta ha pesantemente insistito per vendere a un pensionato un nuovo contratto per la fornitura dell'energia elettrica.

L'anziano lo ha respinto più volte, ma lo straniero non se ne è andato via.

La vittima del porta a porta, per farlo sloggiare da casa sua, ha quindi imbracciato il fucile da caccia, ma è finito nei guai.

Al termine di accertamenti, i carabinieri di Arenzano hanno arrestato per “minaccia e violenza privata aggravata commessa con armi” un pensionato di 68 anni, incensurato, abitante in viale Villa Gavotti a Genova Pegli.

Il genovese, in possesso del fucile da caccia regolarmente denunciato, secondo l'accusa ha minacciato di morte il 18enne romeno, residente in via Laiasso a Genova.

Il pensionato incensurato è stato addirittura trattenuto presso le camere di sicurezza della caserma dei carabinieri.