ARCHIVIO

Polizia provinciale, Toti respinge proposta Pd

[caption id="attachment_69798" align="alignleft" width="360"] Il consiglio regionale ha respinto l'ordine del giorno del Pd per la riorganizzazione della polizia provinciale in Liguria[/caption]

GENOVA.10 NOV. L’ordine del giorno presentato dal gruppo regionale del PD a tutela dei lavoratori della polizia provinciale delle tre Province liguri è stato bocciato oggi dal consiglio regionale.

"L’ordine del giorno - spiegano il capogruppo Pd Raffaella Paita e il consigliere Pippo Rossetti - impegnava la giunta regionale a mettere a punto un progetto complessivo per la riorganizzazione della polizia provinciale, ad attivare un tavolo di monitoraggio per arrivare alla definizione di un corpo di polizia regionale unitario e ad individuare le risorse necessarie nel bilancio di previsione 2016. L’ordine del giorno è stato respinto con giustificazioni pretestuose. Emerge chiaramente ancora una volta che in Liguria governa una giunta che non ha alcun interesse a tutelare gli interessi dei lavoratori e che non sa dare risposte se non parziali e insufficienti. Quando in Liguria governavamo noi del centro-sinistra, abbiamo dovuto più volte affrontare emergenze occupazionali in vari settori – formazione, turismo, cultura e ambiente – e abbiamo sempre dato risposte, senza sottrarci alle responsabilità istituzionali che ci competevano e tutelando i lavoratori. In questo modo spacchetteranno un corpo dalle enormi capacità depauperando un patrimonio. Non siamo d’accordo perché sarà impoverito il territorio nella tutela della flora e della fauna e nel controllo degli abusi dell'acqua ad uso pubblico etc. Purtroppo per la polizia provinciale, ora governa il centro-destra e questi sono i risultati".