ARCHIVIO

Papa: ingiustizia Fornero. Monito a M5S: non reddito per tutti, ma reddito da lavoro per tutti

GENOVA. 27 MAG. Dopo le ola e il tifo da stadio per Papa Francesco, all'Ilva di Cornigliano tutti gli operai con lo sguardo all'insù.

Papa Francesco ha risposto ad alcune domande sul lavoro, con un monito alla politica ed alle regole scritte dalla politica che "favoriscono la speculazione, ma non i veri imprenditori che investono e creano occupazione".

Poi ha bacchettato, in sostanza, quelli che vorrebbero il reddito elargito dagli enti pubblici indistintamente a tutti, come propone il M5S con il reddito minimo o di cittadinanza rilanciato da Beppe Grillo anche alla marcia di Assisi di domenica scorsa.

"Non reddito per tutti - ha ammonito Papa Francesco - ma reddito da lavoro per tutti. Il lavoro è dignità e centro di ogni patto sociale, non un mezzo di consumo".

E quindi un passaggio sulla contestata riforma Fornero sulle pensioni.

"Andare così tardi in pensione, dopo una vita di lavoro - ha aggiunto il Santo Padre - è un'ingiustizia".