ARCHIVIO

Papa Gallo torna al Teatro dell’Archivolto

GENOVA. 7 GEN. Dopo il successo della passata stagione, da giovedì 12 a domenica 22 gennaio 2017 al Teatro dell’Archivolto ritorna Papa Gallo, lo spettacolo dedicato a Don Andrea Gallo, il prete di strada, il trafficante di sogni, il fondatore della Comunità San Benedetto.

Fedele all’essenza di un personaggio così sfaccettato, lo spettacolo del Teatro dell’Archivolto che porta la firma di Giorgio Gallione, vuole essere allo stesso tempo invettiva e “smisurata preghiera”. Papa Gallo è un’occasione preziosa per parlare di democrazia, solidarietà e argomenti scottanti come i diritti degli omosessuali, il sacerdozio femminile, la prostituzione, l’ipocrisia e l’arretratezza di certa chiesa cattolica. Incrociando la testimonianza del Don con il mondo dignitoso e disperato messo in musica da Fabrizio De Andrè, Papa Gallo mette in scena anche la storia di Genova vista dalla strada, dalla parte degli ultimi, ovvero l’umanità che Don Gallo ha sempre preferito, “quella che spera contro ogni speranza”.

Lo spettacolo ha protagoniste tre donne: Simonetta Guarino, Barbara Moselli e Rosanna Naddeo e la voce del Gallo viene fuori più forte che mai. Le sue parole citano Cristo e Gramsci, Pasolini e Don Milani, il subcomandante Marcos e la Costituzione italiana. Fanno da accompagnamento le musiche di Paolo Silvestri e le canzoni di Fabrizio De Andrè, cantautore molto legato a Don Gallo, che amava citarlo come “il quinto evangelista”.

Le scene e i costumi sono di Guido Fiorato, musiche originali di Paolo Silvestri,luci di Aldo Mantovani; collaborazione alla drammaturgia Giulio Costa - produzione Teatro dell’Archivolto

FRANCESCA CAMPONERO

Biglietti da 7,50 a 22 euro. Inizio spettacoli ore 21, domenica ore 17.30, lunedì riposo.

Info e biglietteria 010.412135 / 0106592220, www.archivolto.it