ARCHIVIO

Omicida ecuadoriano già espulso e multato per ubriachezza

[caption id="attachment_188098" align="alignleft" width="852"] L'omicida ecuadoriano già multato per ubriachezza molesta ed espulso, ma l'ha sempre fatta franca[/caption]

GENOVA. 27 GEN. Fiocco nero e saracinesche abbassate a metà oggi a Certosa, mentre ad Albissola sono previsti alle 14,30 i funerali di Giuseppe Buttaro.

Intanto, è venuto fuori che l'omicida ecuadoriano non era uno sconosciuto al Comune e alle forze dell'ordine perché, oltre a fare il tassista abusivo, aveva già combinato dell'altro: da multe per ubriachezza molesta a due espulsioni perché trovato senza documenti e schivate per un soffio per le sanatorie all'italiana, a violente liti con altri immigrati. L'immigrato, però, l'ha sempre fatta franca.

Il pm che ha chiesto la misura di arresto cautelare in carcere per l'omicida di via Canevari ha un corposo fascicolo e stamane giocherà le sue carte davanti al gip, che deve decidere se accogliere o meno la richiesta.

Jorge Wilson Cevallos Valverde, 35 anni, accusato di omicidio colposo, ha nominato come avvocato Igor Dante, lo stesso che difese anche Katerina Mathas per l'omicidio del piccolo Ale in un residence di Nervi. Il pm punta soprattutto alle due sanzioni per ubriachezza molesta perché dimostrano che il muratore ecuadoriano è dedito abitualmente all'alcol e droga e quindi sussiste il concreto pericolo che possa reiterare il reato. Inoltre, essendo straniero con parte della famiglia a Guayaquil, potrebbe sussistere anche il pericolo di fuga.