ARCHIVIO

Offese su Facebook a Ruby rubacuori: 177 indagati per diffamazione

Offese e insulti pubblicati nei commenti sotto ai post pubblicati su Facebook che ritraevano in video una minorenne (non qualsiasi) in pose osé. Ormai sono trascorsi 7 anni, ma quelle offese continuano a girare nel web.

Pertanto, la procura genovese ha indagato per diffamazione le 177 persone che avevano espresso pesanti commenti al filmato in cui Kharima el Mahrough (Ruby Rubacuori) si esibiva minorenne in un balletto fetish nel locale del suo ex marito Luca Risso, a Genova.

Per quella esibizione, il genovese era stato condannato in appello a sei mesi con la sospensione condizionale della pena.

Parte del video era stato addirittura trasmesso in Tv dal giornalista Michele Santoro e uno spezzone di quella puntata sarebbe finito in rete corredato da insulti in danno della ragazza. Gli investigatori della polizia giudiziaria genovese lo avevano quindi sentito come persona informata dei fatti.

Com'è noto, la vicenda ruota intorno allo scandalo in cui era rimasto coinvolto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi.