Home Cronaca Cronaca Italia

Non indossa il velo e rifiuta di sottomettersi: picchiata e stuprata da marocchino

20
CONDIVIDI
Lacrime con il velo islamico (foto d'archivio)

LA SPEZIA. 14 SET. Una giovane marocchina veste troppo all’Occidentale e così il compagno e connazionale musulmano la picchia e la stupra. L’inquietante episodio, avvenuto lo scorso fine luglio a Torino, ha come protagonista una coppia di nordafricani residente alla Spezia.

Il 31enne marocchino è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale.

Gli immigrati erano ospiti di un amico musulmano che abita nel capoluogo piemontese e, durante la cena, il padrone di casa ha fatto alcuni rilievi alla donna per l’assenza del velo.


Le risposte della vittima, considerate altezzose ed arroganti, hanno scatenato la reazione del compagno, che l’ha schiaffeggiata, picchiata e trascinata in camera da letto obbligandola ad avere un rapporto sessuale.

La mattina dopo, lei è riuscita a scappare da quell’incubo ed a raggiungere Genova, dove ha chiesto aiuto ed è stata ricoverata al Galliera. Successivamente, è tornata alla Spezia, dove ha presentato denuncia.

Per lei è scattata la protezione della rete antiviolenza, mentre la polizia ha scoperto altre vessazioni messe in atto dal marocchino.

 

20 COMMENTI

    • Dove sono? Tutti tutte nascoste. Quando servono i buonisti sono tutti raccolti nelle proprie case proprie famiglie a difendere il loro territorio . Poi come x magia vengono fuori e ci parlano di integrazione o altro. Spero solo che vuoi buonisti potreste pagare ttttm questo con il dolore possibile che si possa avere.

  1. Se con le loro donne fanno questo, figuriamoci con le “infedeli”. Che facciamo? Ci ribelliamo contro questa gente di cultura inferiore? O continueremo ad ascoltare ancora le menate della sinistra radical-chic?

  2. Schiaffeggiata, picchiata, trascinata per i capelli in camera da letto e stuprata. Che siano i loro “preliminari”?? Indubbiamente l’energumeno si è eccitato. Merda d’uomo. Dentro ad un sacco e poi riempirlo di botte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here