ARCHIVIO

Navi da guerra italiane in acque libiche

[caption id="attachment_177218" align="alignleft" width="300"] Saqr Geroushi il capo di Stato maggiore libico, su navi da guerra italiane [/caption]
Navi da guerra italiane in acque libiche
TOBRUK. 1 NOV. Il governo libico di Tobruk “condanna con fermezza” la violazione delle proprie acque territoriali dopo che ieri “tre navi da guerra italiane nei pressi delle coste di Bengasi, a Daryana” sono entrate in acque libiche a circa 55 km a est della città compiendo con “l'ingresso delle navi italiane atto contrario a tutti gli accordi internazionali ratificati dall'Onu”. Lo si legge in un comunicato del governo sulla propria pagina Facebook e Twitter.

Il governo libico “non esiterà a ricorrere a tutti i mezzi che gli consentano di proteggere le sue frontiere e la sua sovranità territoriale”. Inoltre Tobruk invita l'Italia “a rispettare i trattati firmati tra i due Paesi”.

Proprio a tale proposito l'aviazione libica ha fatto decollare ieri in tarda serata i suoi caccia militari per “monitorare l'attività delle navi da guerra italiane” secondo il capo di Stato maggiore libico, Saqr Geroushi, citato dai media locali. (nella foto: il capo di Stato maggiore libico, Saqr Geroushi).

!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?'http':'https';if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+"://platform.twitter.com/widgets.js";fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,"script","twitter-wjs");