ARCHIVIO

Nautico, Scalfarotto: “la porta è sempre aperta, ma collaborare”

GENOVA. 7 FEB. Quella di ieri è stata la giornata degli incontri istituzionali per decidere il futuro del Nautico tra il sottosegretario allo sviluppo economico Ivan Scalfarotto dapprima con il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e poi con il Sindaco di Genova MArco Doria.

“Abbiamo lavorato tutto il giorno - ha precisato il sottosegretario -  ma se la soluzione non va bene oggi all’uno e domani all’altro, perché io mi fermo ed alzo le mani. Per me sono uguali, vuol dire che entrambi non vogliono trovare un accordo”. Ed ancora: “Per me la porta è sempre aperta, per Genova e per la Nautica, sono disponibile a investire per questa città e per questo settore, ma non posso farlo contro la volontà degli interessati”. Scalfarotto, in collegamento telefonico con le due associazioni ha chiesto loro di ‘collaborare’ e di ‘stringersi la mano’.

E’ stato poi l’incontro col sindaco Doria a Palazzo Tursi nel pomeriggio. Entrambi hanno convenuto l’idea di un’intesa tra le organizzazioni con il sindaco che ha sottolineato il ruolo importante del Nautico per Genova. “Per questo - precisa Doria - anche nel caso, non auspicabile, non si raggiungesse l’intesa tra le associazioni dei produttori, il Comune si impegna a presentare al Governo d’intesa con le altre istituzioni locali un progetto credibile perché il Salone possa svolgersi nella nostra città quale rassegna rappresentativa dell’intera gamma produttiva della nautica italiana, senza escludere nessuno”.