ARCHIVIO

Napoli-Samp, Ferrero "Colpa dell'arbitro"

GENOVA 8 GEN.  Il presidente Massimo Ferrero dopo la sconfitta thriller di Napoli si esprime così con i media: «Forse devo stare zitto perché i tre punti non me li ridà nessuno. Non dico che meritavamo di vincere, perché la partita l’ha vinta il signor Di Bello. Era una bella gara, ma questo finale mi lascia proprio l’amaro in bocca. Che stava facendo il quarto uomo quando hanno espulso Silvestre? Già era stato ammonito su un’azione con un sospetto fuorigioco, ma poi gli è stato dato un giallo senza che ci fosse neanche un tocco sul portiere. In più sono stati dati cinque minuti che non ci stavano: se dovevamo perdere gliela potevamo dare anche a tavolino».

Arbitro. Lo squilibrio di uomini in campo è stato decisivo. «Noi abbiamo dovuto scombinare completamente la squadra – afferma Ferrero -, abbiamo dovuto spostare Regini in mezzo e togliere una punta. Se meritavamo di più? Parlo da tifoso, forse esagero, ma ci servirebbero 12 o 13 punti di più in classifica a vedere gli episodi. Io non voglio creare alibi, perché un arbitraggio sbagliato ci sta, ma sono stati troppi gli errori».

Premio. L’ultima domanda da studio è dedicata al mercato e il presidente risponde così: «Torreira? Ha un contratto fino al 2020. Parlando con il suo procuratore gli abbiamo offerto un contratto sei volte superiore a quello attuale. Non era dovuto ma abbiamo ritenuto fosse un premio, dato che il ragazzo stava facendo bene».