ARCHIVIO

Multedo, mercoledì udienza Tribunale: asilo ai bimbi o per business immigrati

Asilo Govone ai bimbi di Multedo oppure è lecito averlo imposto ai residenti per il business immigrati? Mercoledì 20 è in programma la prima udienza in Tribunale a Genova sul caso della struttura di via delle Ripe, trasformata in centro di accoglienza dalla Curia in collaborazione con la Prefettura.

La storia è nota e la controversia verte sull'interpretazione giuridica del testamento della Contessa Govone, che aveva lasciato la sua proprietà per i bimbi del quartiere.

Una volontà esplicita e un vincolo giuridico, rispetto ai quali la Curia finora ha fatto spallucce, con il consenso della Prefettura che si appella alla cosiddetta "emergenza" del caos migranti per cui si può anche requisire e fare di tutto senza che il Comune, ossia i cittadini, possano metterci becco.

Visto e considerato che attualmente in Itala, per casi come questo, la prevaricazione della volontà popolare risulta giuridicamente valida, bisognerà vedere se volontà e vincolo espressi nel testamento Govone potranno prevalere sulla cosiddetta "emergenza" sbandierata da Curia e Prefettura.

"Siamo arrivati fino a qui - ha annunciato su Facebook uno dei pacifici residenti di Multedo - fino a dovere chiedere ad un Giudice se la legge è veramente uguale per tutti, perché se fossi stato io ad affittare un asilo e convertirlo in centro di accoglienza non credo che sarei riuscito nel mio intento, ragione in più se la donazione di questo immobile fosse vincolata nella sua destinazione d'uso.

Siamo fiduciosi nella legge italiana e nel nostro Avvocato Alberto Campanella portavoce di 1000 e più firmatari dell'azione legale intrapresa contro la scelta dei locali di questa operazione".