ARCHIVIO

Multedo inerme subisce violenza dall'alto e in piazza: vergogna Fiom

Da un lato aggressività, violenza verbale, offese, urla, toni più che minacciosi, provocazioni alla ricerca di un contatto evidentemente per poter arrivare a menare le mani. Intolleranza e mancanza di rispetto per chi non la pensa come loro, ma, a differenza di loro, sarà costretto ad avere i migranti sotto casa. Comportamenti che vanno ben aldilà del semplice egoismo.

Dall'altro lato solo la fierezza di vivere a Multedo, civile silenzio in difesa dei propri diritti, tantissime fiaccole accese e tenute in mano da moltissima gente innocua e pacifica: anziani, donne, bambini. Simboli di pace e non violenza, ma anche di libertà, democrazia e rispetto di quegli altri poco distanti (anche se col territorio c'entrano poco o nulla).

Ciò che è accaduto stasera, nei pressi dei Giardini Lennon, non è stato un bell'esempio di dialogo democratico da parte degli estremisti della sinistra buonista e della Fiom, che insieme a quelli dei centri sociali si sono improvvisamente alleati con i preti e la Prefettura (ossia il rappresentante del Governo incapace di mantenere i posti di lavoro come abbiamo visto per Ilva).

Tutti uniti contro i residenti di Multedo che hanno pacificamente detto "NO" al centro migranti imposto dalla Prefettura, in collaborazione con la Curia, nell'ex asilo Govone di via delle Ripe: 50 africani, tutti giovani e maschi.

https://youtu.be/oWgoWGnC_VA

Non solo violenza imposta dall'alto, dunque, ma anche violenza di piazza, organizzata contro cittadini inermi e senza colpe.

Perché residenti, famiglie e commercianti del quartiere hanno sempre parlato chiaro, senza avere mai fatto o detto nulla di male: "Qui si fa business immigrati sulla nostra pelle. L'ex asilo ai nostri bimbi, non a loro. Quella strada non ha via d'uscita ed è male illuminata. Trovate una soluzione alternativa".

Le immagini, l'audio ed i video di stasera, che Liguria Notizie ha doverosamente pubblicato senza censure, purtroppo sono chiari ed indiscutibili.

Gli estremisti della sinistra buonista, spalleggiati da alcuni sindacalisti Fiom, avevano organizzato la manifestazione contro i residenti ed a favore del centro migranti della Curia poco dopo le 18. Mentre gli abitanti di Multedo ne avevano già annunciata un'altra (ossia la fiaccolata) alle 19,30.

https://youtu.be/3gJ_azIQgjg

Ad un certo momento, i buonisti e quelli della Fiom si sono avvicinati ai residenti cominciando ad inveire contro di loro, insultandoli e provocandoli, ma senza riuscirvi. Tentativi andati a vuoto solo per il buonsenso di tutti i partecipanti alla fiaccolata e per la provvidenziale presenza di agenti della Digos.

Comunque vada a finire il caso dell'ex asilo Govone, i genovesi di Multedo, ancora una volta, hanno dimostrato di essere persone civili, pacifiche, tolleranti, meritevoli di grande attenzione e rispetto.

Dall'altra parte, invece, altri genovesi hanno scritto una brutta pagina di intolleranza e violenza, di cui si dovrebbe vergognare tutta la nostra Città.

https://youtu.be/5Xptv_YPdkw