ARCHIVIO

Montoggio, “Gatto et Libertà”, rievocazione al tempo dei Fieschi

GENOVA. 15 LUG. L’antica fortezza dei Fieschi espugnata nel 1547 dalle preponderanti forze imperiali alleate dei Doria dopo un assedio di tre mesi e demolita a colpi di esplosivo per sanzionare il fallimento della celebre congiura e porre fine al potere di una delle famiglie più potenti di Genova.

Oggi Montoggio è diventata protagonista di una suggestiva giornata rievocativa, organizzata dalla Pro loco in collaborazione con l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Mauro Fantoni.

Il programma della manifestazione si è proposto di illustrare, oltre agli aspetti militari della storica vicenda, anche testimonianze del tempo, usi e costumi all’interno della fortezza, il cibo e la vita quotidiana.

La giornata, con la presenza di un mercato di produttori e artigiani locali, ha visto nel pomeriggio visite guidate ai ruderi della fortezza curate dall’archeologa Sara Castagnasso.

Rievocazioni alle 17,30, nel centro di Montoggio, e quindi, alle 19, presso la cappella di san Rocco, dove furono giustiziati Gerolamo Fieschi e i suoi sodali capi della resistenza all’assedio. Si sono esibiti anche i gruppi storici “Sestieri di Lavagna“ e “Fieschi di Casella“ con musici, sbandieratori, danze e giochi d’arme.

Nello stesso luogo, dopo la cena, andrà in scena, ad opera della Compagnia Teatrale Odeon, la commedia  "Gatto et Libertà".

A disposizione dei visitatori c’è un servizio di navetta gratuita dall’area verde alla frazione Castello dalle 15 alle 24.