ARCHIVIO

Miracolo a Genova: rimpatriato in Nordafrica un pericoloso tunisino

Qualcuno lo vedrà come un miracolo. Altri no. In ogni caso, oggi un pericoloso tunisino di 49 anni, abitante a Firenze, dopo aver scontato una condanna in carcere per reati comuni, è stato preso e accompagnato al porto di Genova per essere poi rimpatriato.

Secondo gli inquirenti, il musulmano era vicino all'estremismo religioso. Il Viminale ha quindi provveduto all'espulsione coatta dall'Italia per motivi di sicurezza nazionale.

Il nordafricano dal 2004 era rimasto coinvolto in diverse indagini investigative condotte in Toscana nell'ambito del contrasto all'estremismo religioso.

Già detenuto nel carcere di Sollicciano a seguito di una condanna, il presunto islamista "è stato oggetto di monitoraggio di primo livello 'alto' per aver ripetutamente avuto comportamenti violenti verso gli operatori carcerari, affermando in diverse circostanze di essere un terrorista".

Dopo essere stato scarcerato il 12 novembre scorso, il tunisino è stato trattenuto nel CIE di corso Brunelleschi a Torino fino all'accompagnamento alla frontiera marittima di Genova per l'imbarco e il rimpatrio in Tunisia.