ARCHIVIO

Migranti per strada, scooterista in coma: veglia per Guglielmi

IMPERIA. 9 GEN. Scooterista in coma e migrante investito mentre attraversa la strada a scorrimento veloce e in zona vietata nei pressi del campo profughi del Parco Roja. Se nel centro di accoglienza si è pregato per il libico centrato in pieno ed ucciso dal motociclo, ieri sera davanti al Comune di Ventimiglia c'è stata una veglia di solidarietà e di protesta davanti al Comune di Ventimiglia. Vi hanno partecipato numerosi residenti, che hanno parlato, ancora una volta, di "una tragedia annunciata".

Da tempo, i cittadini chiedono soluzioni al problema dei migranti che attraversano a piedi l'A10 ed altre strade di tutto l'imperiese, spesso al buio e quasi sempre in zone vietate dal Codice.

I ventimigliesi hanno lasciato candele e lumini davanti all'ingresso del palazzo comunale e hanno recitato una preghiera in sostegno di Luciano Guglielmi, 66 anni, l'ex macchinista delle ferrovie che lotta tra la vita e la morte dopo il tragico incidente stradale in cui ha perso la vita Mohamed Hani, 26 anni, libico con passaporto siriano. Gli organizzatori hanno comunicato che tutta la città ha espresso forte vicinanza al concittadino e alla sua famiglia.

"Un ringraziamento a Tutti gli intervenuti - ha spiegato Marco Delsignore - in un momento di preghiera per il Nostro Concittadino Luciano. Tra gli altri erano presenti rappresentanti delle Gianchette, di Roverino, Bevera, Calvo, Varase e famiglie".