ARCHIVIO

Migranti a Portofino. Puggioni (Lega): ormai è invasione, il resto tutte balle del Pd

GENOVA. 31 LUG. “Imporre un centro di accoglienza per migranti anche nella splendida cornice di Portofino, perché da altre parti non c’è spazio, significa che è in atto un’invasione, che a questo punto è necessario bloccare.

Il resto sono tutte balle, raccontate da un Governo a trazione Pd e formato da irresponsabili ed incapaci che alimentano il business immigrati e svendono il nostro Paese in cambio di una maggiore flessibilità della UE sui conti dell’Italia”.

Lo ha dichiarato oggi il consigliere regionale della Lega Nord Liguria Alessandro Puggioni a pochi giorni dalla diffusione del nuovo bando della Prefettura, da quasi 15 milioni di euro, che prevede l’invio di altri 700 migranti nei Comuni ribelli del Tigullio (Portofino incluso) non aderenti al sistema governativo di accoglienza “Sprar”.

“Siamo in piena dittatura. Anche a Rapallo, ad esempio, è previsto l’arrivo di  ulteriori 120 migranti e – ha aggiunto Puggioni - non saranno certo tutti genitori con bambini. Anzi.

Stasera saremo presenti nell’aula del Consiglio comunale per manifestare la nostra protesta contro l’assurda decisione del Ministero dell’Interno e per sostenere l’Amministrazione guidata dal Sindaco Carlo Bagnasco, che giustamente ha detto no al sistema Sprar schierandosi dalla parte della cittadinanza.

La nostra Città in passato è stata costretta a subire la rapallizzazione. Ora sul nostro territorio vogliono imporre la migrantizzazione senza regole e controlli.

Rapallo e le altre località del Tigullio non possono permettersi un’invasione. E’ in gioco lo sviluppo del territorio e la tranquillità di residenti e turisti”.