ARCHIVIO

Miele cinese spacciato per italiano, ma la Gdf non ci casca: sequestri

[caption id="attachment_188848" align="alignleft" width="400"] Miele cinese spacciato per italiano, ma la Gdf non ci casca[/caption]

GENOVA. 15 LUG. C'era pure il miele cinese, spacciato per italiano. La Guardia di finanza di Genova nei giorni scorsi ha denunciato 11 persone per contrabbando di generi alimentari e frode in danno dei consumatori. Inoltre, la GdF ha sequestrato quintali di prodotti per un valore di 100mila euro, accertando un'evasione fiscale di 10mila euro.

L'operazione "Heavy food " era partita da alcuni accertamenti sul traffico dei container in arrivo e in partenza dal porto di Genova.

Tra i prodotti sequestrati miele di origine cinese, venduto per italiano da un grossista dell'entroterra di Genova, e olio esportato in Messico da un commerciante toscano, che lo spacciava per extravergine italiano.

I finanzieri hanno individuato tutta la filiera delle compravendite di prodotti taroccati, individuando numerosi negozi e supermercati in Liguria e in altre regioni.