ARCHIVIO

Meningite, giovane spezzino in condizioni disperate

LA SPEZIA. 5 FEB. Intorno alle 16 sono iniziate all’Ospedale Sant’Andrea di La Spezia le procedure per l'accertamento della morte cerebrale del barista e studente spezzino di 25 anni ricoverato da venerdì mattina per meningite meningococcica con sepsi.

L'osservazione durerà sei ore: se in questo periodo l'encefalo non mostrerà attività il giovane verrà dichiarato morto.

Si apprende da fonti ospedaliere. Le condizioni del giovane sono precipitate stamani.

Diverse persone si stanno sottoponendo a profilassi antibiotica. La profilassi era stata prescritta solo a 12 persone, Ma questa mattina si sono presentati in 80, soprattuto giovani, all'ufficio igiene dell'Asl.

Asl e Regione avevano consigliato la profilassi a coloro che hanno avuto contatti stretti con il giovane e a coloro che frequentano il locale dove lavora il 25enne.

Ieri oltre 300 le persone erano state ricevute dall’ Asl. Con la conseguenza che ci sono state anche difficoltà a reperire il farmaco e alcuni soggetti hanno dovuto ricorrere alle farmacie.