ARCHIVIO

Markov è libero, evitato incidente diplomatico con Putin

[caption id="attachment_169509" align="alignleft" width="465"] Igor Markov, l'ucraino filorusso di 42 anni arrestato a metà agosto a Sanremo, è libero[/caption]

GENOVA. 5 FEB. Il dissidente ucraino Igor Markov, 42 anni, è libero. Nessun incidente diplomatico, quindi, fra Italia e Russia grazie al buonsenso e all'applicazione delle leggi da parte dei giudici della Corte d'Appello di Genova, che oggi hanno respinto le richieste del pg Enrico Zucca, negando l'estradizione e ordinando l'immediata liberazione. L'altro giorno in Tribunale si era presentata anche il console Anna Bulatova: "Per noi Markov è cittadino russo, normale offrigli la dovuta assistenza".

L'accusa aveva chiesto che Markov, rinchiuso e sorvegliato col braccialetto elettronico in una residenza del levante genovese, non lontano dal consolato russo di Nervi, fosse estradato in Ucraina. Paese dove però i diritti umani sarebbero a rischio. Soprattutto nei confronti dei politici filorussi.

Markov era stato arrestato a Sanremo dalla polizia italiana su ordine di cattura internazionale emesso da Kiev. La formale accusa era di atti di teppismo durante una manifestazione avvenuta nel 2007 a Odessa.

La procura generale si è riservata di presentare ricorso in Cassazione entro i 45 giorni, ma ormai Igor Markov è stato liberato. Fabrizio Graffione