ARCHIVIO

M5S: pedaggio A10 gratis fra Voltri e Arenzano per la frana

[caption id="attachment_195087" align="alignleft" width="700"] La frana di Arenzano: il gruppo regionale M5S chiede pedaggio gratis sull'A10[/caption]

GENOVA. 21 MAR. “Siamo nelle mani di forze politiche irresponsabili che tagliano fondi alla tutela del territorio, invece di aumentarli. Ed ecco i risultati”. Il M5S oggi è tornato all'attacco della giunta Toti a due giorni dalla frana di Arenzano che ha provocato forti disagi e ha tagliato in due il ponente genovese, provocando due feriti di cui uno ancora grave.

“La Liguria continua a franare sotto i nostri occhi – ha detto il consigliere regionale Alice Salvatore – l'altro giorno è toccato ad Arenzano, ma sono 15mila le frane attive che minacciano la nostra terra, ferita da troppa incuria. E intanto, come avevamo denunciato la scorsa settimana, sono spariti altri 3 milioni di risorse regionali destinate alla prevenzione e alla manutenzione del territorio, nella totale indifferenza della giunta Toti. La mente, in queste ore, va alle persone colpite e ferite dalla frana, ma anche alle migliaia di cittadini che da sabato sono alle prese con gravi disagi alla circolazione in entrambe le direzioni".

Al proposito, il gruppo regionale, per iniziativa del consigliereha annunciato che domani in consiglio regionale presenterà un ordine del giorno urgente “per chiedere l’esenzione del pedaggio autostradale Arenzano-Voltri, dal momento che si annunciano tempi lunghi per la sistemazione della frana e la conseguente riapertura del tratto d’Aurelia colpito”.

 

“In questi nove mesi di governo regionale – ha aggiunto il consigliere Marco De Ferrari - invece di fare prevenzione, Toti & C. sono riusciti nell’impresa di aggravare la situazione: dal Piano Casa burlandiano, definito a suo tempo “il più devastante d’Italia”, siamo passati a quello di Scajola, bocciato da Roma addirittura come incostituzionale. La giunta si svegli e avvii un serio censimento delle zone a rischio dissesto idrogeologico e pianifichi atti concreti di intervento. I cittadini liguri vanno tutelati e meritano rispetto”.