ARCHIVIO

Lavoratori Ericsson imbavagliati, Pastorino (RaS): Toti s'inchina a Calenda

[caption id="attachment_205687" align="alignleft" width="728"] Una manifestazione dei lavoratori Ericsson: oggi si sono imbavagliati in consiglio regionale[/caption]

GENOVA. 25 LUG. l lavoratori di Ericsson si sono presentati questo pomeriggio in consiglio regionale, per denunciare la situazione disastrosa dei 147 esuberi in scadenza a fine agosto e sul caso è intervenuto il consigliere di Rete a Sinistra, Gianni Pastorino: «Una protesta silenziosa, a bocca imbavagliata, per sottolineare che la maggioranza di centrodestra non ha voluto nemmeno convocare il consiglio regionale congiunto con il Comune di Genova. Un atto che avrebbe dato forza e sostegno alla vertenza Ericsson. Toti ha continuato imperterrito a rassicurare sindacati e i lavoratori, dicendo di essere in contatto costante con il ministro Calenda, Ma dopo le tante parole del presidente, quello che resta è un pugno di mosche».

«A ogni giorno che passa sembra che né il governo nazionale, né Regione Liguria abbiano intenzione di affrontare la vertenza. Il 28 di agosto scadranno i 75 giorni. Dopodiché, come detto più volte, Ericsson avrà libertà di licenziare. Non si capisce bene perché chi governa in Liguria sia così prodigo di critiche nei confronti dell’Esecutivo, su tutte le materie, e invece su una questione di difesa dell’occupazione nella propria regione accetta le lungaggini del Ministro Calenda e l’atteggiamento di deferenza che il governo Renzi ha nei confronti della multinazionale svedese».