Home Cultura Cultura La Spezia

La festa del biologico in Val di Vara dal 2 al 3 giugno

0
CONDIVIDI
Il Castello dei Fieschi a Varese Ligure

La prima edizione della ‘Festa del biologico del biodistretto della Val di Vara’ si svolgerà dal 2 al 3 giugno presso il centro storico di Varese Ligure attorno al Castello dei Fieschi con i banchi dei produttori biologici, dell’artigianato, degli allevatori, laboratori, tavole rotonde e seminari.

L’evento patrocinato dalla Regione Liguria è stato presentato oggi a Genova dal presidente del bio distretto della Val di Vara Alessandro Triantafyllis e dall’assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai.

Sono previsti quattro seminari, di cui uno sui fiori da utilizzare in cucina, uno sulle erbe da campo, uno sulla birra artigianale e un incontro organizzato dal Gal-Spezia.

“Un ricco calendario di eventi – ha spiegato l’assessore Mai – che animerà il castello e le vie di uno dei borghi più belli della Liguria, Varese Ligure. Sono molto soddisfatto che gli organizzatori, oltre a prevedere occasioni di approfondimento su temi specifici come il Gal e la buona nutrizione degli animali, abbiano inserito eventi rivolti al grande pubblico e ai bambini.

È importante che manifestazioni come questa servano a divulgare la cultura del buon cibo, la valorizzazione delle produzioni locali e della tradizione contadina.

Sul fronte del biologico, come assessorato regionale, siamo ben consapevoli delle grandi potenzialità che rappresenta per i nostri produttori. Le nuove linee guida sulle produzioni biologiche, di recente varate, hanno come obiettivo, attraverso i biodistretti, la promozione e la valorizzazione di quelle produzioni di qualità certificate, caratterizzate da un forte legame con il territorio, un elevato contenuto di tipicità e di cultura locale, puntando soprattutto sullo sviluppo delle filiere”.

Il biodistretto Val di Vara è l’unico distretto del biologico presente in Liguria e comprende il Comune di Varese Ligure e l’Alta Val di Vara, dove insiste la maggiore presenza di produttori a livello regionale: il 31% del totale della Liguria.