ARCHIVIO

In Val Bormida la Regione doveva vedere rosso, altro che giallo

[caption id="attachment_193295" align="alignleft" width="700"] Il consigliere regionale M5S Melis accusa l'assessore Giampedrone per la sua incapacità: in Val Bormida era da rosso, altro che giallo[/caption]

GENOVA. 7 MAR. "È bastata una nevicata, seppur abbondante, per mandare completamente in tilt l’intera val Bormida, con conseguenti gravi disagi a livello di trasporti e sanitario. Non è la prima volta che accade e, temiamo, non sarà l’ultima. Almeno sino a quando la (vecchia) politica continuerà a scaricare le proprie responsabilità e a non dare risposte alle istanze che arrivano dai cittadini, come le 15mila firme raccolte per riconoscere all’ospedale di Cairo lo status d’area disagiata".

Proseguono le polemiche per le previsioni di Arpal e la gestione della Protezione civile da parte della giunta Toti. Oggi il consigliere regionale Andrea Melis (M5S) ha detto che in realtà nella zona delle nevicate era roba da "bollino rosso".

"Si faccia al più presto chiarezza - ha detto Melis - sulla gestione dell’emergenza da parte dell’intero sistema di protezione civile e dell’assessore regionale competente Giampedrone, che sabato aveva “tranquillizzato” la cittadinanza con un’allerta gialla (il livello più basso previsto). La realtà è stato un weekend da bollino rosso, tra strade e autostrade in tilt, file di macchine in coda sotto mezzo metro di neve e fatte tornare indietro, automobilisti bloccati per ore in A6 all’altezza di Altare.

E solo per un colpo di fortuna non si sono registrate emergenze gravi in quelle ore, perché le ambulanze sarebbero rimaste paralizzate, in attesa che l’ospedale di Cairo sia attrezzato con un presidio di pronto soccorso all’altezza delle richieste del territorio.

Ci chiediamo: chi ha sbagliato? E cosa si poteva fare per evitare un simile, disastroso, scenario, in una giornata di neve nell’entroterra ampiamente prevedibile in pieno inverno? L’assessore Giampedrone faccia al più presto chiarezza. Servono accertamenti e controlli accurati per garantire ai cittadini sicurezza e far sì che giornate come queste non si ripetano più".