ARCHIVIO

IN UNA LETTERA LE COLLEGHE PERDONANO IL GINECOLOGO SUICIDA

Noi Ermanno Rossi lo conoscevamo bene. Conoscevamo Ermanno, non Erode": queste le parole di  una lettera  scritta da 135 tra dottoresse, infermiere e operatrici sanitarie dell'istituto Giannina Gaslini di Genova, dove lavorava Ermanno Rossi, il ginecologo morto suicida.