ARCHIVIO

Il testimone: abbiamo aiutato l'autista Amt, punkabbestia una furia

GENOVA. 20 SET. Autista Amt picchiato da uno dei tanti vagabondi, che girano pericolosamente per la città, indisturbati. Ecco la testimonianza di uno dei passeggeri intervenuti, oggi pomeriggio sul bus a Brignole, per aiutare il conducente aggredito senza pietà solo perché aveva chiesto al punkabbestia di mettere la museruola al suo cane (come peraltro prevede il regolamento).

"Oggi pomeriggio alle ore 17 circa - spiega il passeggero 40enne eresidente nel centro storico - un punkabbestia ha aggredito un autista dell'Amt alla fermata di Brignole.

Pochi minuti prima, i passeggeri, infastiditi dalla presenza del cane di grossa taglia e senza museruola, si erano lamentati con il conducente del bus.

L'autista ha quindi chiesto cortesemente al punkabbestia di mettere la museruola al cane, ma il vagabondo ha reagito andando in escandescenze. Ha aperto lo sportello guida del bus e ha cominciato a picchiare selvaggiamente l'autista. Sembrava una furia.

Alcuni passeggeri sono fuggiti impauriti. Altri hanno chiamato la polizia. Io e un altro passeggero abbiamo aiutato il conducente Amt. A quel punto, il punkabbestia è scappato. Inutile il contestuale tentativo di altri autisti Amt, che erano in zona e sono intervenuti, di riuscire a fermare il violento. Seguito dal cane, il vagabondo è riuscito a divincolarsi  ed a svanire nel nulla. Le forze dell'ordine sono arrivate tempestivamente, ma non credo siano riusciti a prenderlo.

Mi spiace per l'autista Amt perché è rimasto ferito a un braccio, aveva dolore ad una gamba e varie escoriazioni. Spero che si riprendda presto".