Home Cultura Cultura Genova

Il regista Massimo Scaglione raccontato in un libro

0
CONDIVIDI
Il regista Massimo Scaglione

Domani, mercoledì 7 novembre alle ore 17,30 presso Museo Biblioteca dell’Attore sarà presentato il libro sul regista Massimo Scaglione, uscito recentemente per Daniela Piazza Editore.

Scaglione, conosciuto per il suo impegno nel mondo della televisione e del teatro, è stato un personaggio poliedrico. La sua attività multiforme lo ha consacrato come il più duttile regista dal dopoguerra in avanti: ha diretto programmi televisivi e radiofonici, commedie, spettacoli teatrali, opere liriche e film. Uomo instancabile, ha scritto decine di libri ed è stato a lungo anche docente al Dams dell’università torinese. Nel 1958 aveva deciso di diversificare la propria attività fondando quel Teatro delle Dieci che per primo porta in Italia Beckett e Ionesco. Qualche anno dopo con Gipo Farassino mette in piedi una compagnia per riproporre i testi piemontesi del passato e valorizzare gli autori contemporanei.

Il libro nasce proprio per  ricordarne la poliedricità del regista e scrittore originario di Garessio e scomparso tre anni fa all’età di 84 anni. Il volume è curato da Maurizio Ternavasio e Franco Prono.

Tra le testimonianze, quelle di Diego Novelli, Milena Vukotic, Tullio Solenghi, Enrico Beruschi, Bruno Gambarotta, Margherita Oggero, Albina Malerba, Luciana Littizzetto, Ugo Nespolo, Lorenzo Ventavoli e moltissimi altri.

All’incontro, insieme all’Editore saranno presenti la moglie Loredana Furno,  Gabriella Ravazzi  e Manlio Palumbo che con Scaglione, attraverso Spazio Musica hanno realizzato moltissimi concerti, spesso riscoprendo e riproponendo vere ‘chicche’ musicali.

Introduce il Prof. Eugenio Buonaccorsi, conduce la giornalista Francesca Camponero.

Nel corso della presentazione, Giuliana Manganelli leggerà uno stralcio dell’ultimo libro scritto dal regista, “LA BIRRERIA MAZZINI, politica e pasta e fagioli” inedito che conclude e arricchisce il libro.

L’Editore Daniela Piazza devolverà alla ricostruzione del Ponte Morandi, 5 euro per ogni volume venduto a Genova.