ARCHIVIO

Il potere della fede (di Geova) per la Fiera di Genova

GENOVA. 18 GIU. Non credevamo ai nostri occhi quando siamo entrati in Fiera, a Genova. Abbiamo visto un consistente movimento di persone ed, incuriositi, ci siamo avvicinati pensando ad un altro concorsone o a degli interventi straordinari di sistemazione dell’area.

Invece, ci hanno spiegato, che erano i Testimoni di Geova che stavano sistemando l’area in vista della tre giorni di Congresso, dal 21 al 23 luglio 2017 nel Padiglione Blu.

Imponente l’impiego dei volontari e dei mezzi. In Fiera sarebbero, infatti, entrate oltre 800 persone e oltre 700 starebbero facendo lavori di pulizia e sistemazione dell’area interessata dall’evento.

La pulizia viene effettuata sia con mezzi meccanizzati, sia manuali, mentre gli altri, secondo le proprie capacità stanno facendo il compito che è stato loro assegnato con tanta volontà e determinazione.

Le aree interessate alla pulizia sono state anche quelle esterne, dal parcheggio di piazzale Kennedy che è stato completamente spazzato, all’ingresso, il front della Fiera.

Particolarmente intensa la pulizia tra i due padiglioni quello blu e l’ex C che ospita i migranti, l’area di accesso al padiglione di Jean Nouvel ed il suo interno per farlo arrivare al massimo del suo splendore per le tre giornate di congresso.

"Questa, direbbe qualcuno, è la forza della fede, in questo caso di Geova; mentre qualcun altro ha definito il momento “una gran fortuna per la Fiera”. L.B.

[gallery td_select_gallery_slide="slide" ids="254355,254354,254361,254353,254359,254360,254358,254356,254357"]