ARCHIVIO

Il pm militare: nessuna violazione penale per una bandiera del Kaiser

Bandiera del Kaiser, non nazista: nessun reato. Il procuratore militare, che sulla spinta delle dichiarazioni della ministra Roberta Pinotti (Pd) ha subito aperto un'inchiesta, oggi ha spiegato di non ravvisare violazioni delle norme penali nel comportamento del carabiniere 20enne che nella camerata della caserma del Battaglione Toscana, a Firenze, ha appeso il vessillo della Marina Militare Imperiale tedesca (1903-1919) del II Reich (1871-1918).

Secondo il pm, dunque, appare più una questione culturale o disciplinare che penale militare, anche perché la "Reichskriegsflagge" talvolta è utilizzata da ultrà del calcio e gruppi di neonazisti in Italia e in Europa (v. articolo precedente).

"Non c'è nulla che faccia pensare alla violazione di una norma penale militare - ha spiegato il pm - tuttavia ho dato disposizioni affinché si verifichi se invece vi siano gli estremi per configurare qualche reato.

La norma secondo la quale è reato esporre un vessillo che evochi il nazismo vale per i civili e non specificamente per i militari. Pertanto, il carabiniere il militare di Firenze potrebbe essere indagato dalla procura ordinaria ma non da quella militare.

Penso che sia più un grande problema di natura disciplinare e culturale. La questione è capire cosa significa un simbolo del genere, soprattutto per un militare, credo che ci sia da interrogarsi sulla formazione culturale dei giovani prima e dei militari poi".

Nella camerata del carabiniere 20enne sono state rimosse anche una sciarpa della Roma e il poster con il fotomontaggio di Matteo Salvini che indossa uno smoking e imbraccia un mitra in stile 007.

Oggi il leader leghista ha pubblicato su Facebook un altro fotomontaggio che circola sui social network e lo raffigura come Aldo Moro prigioniero delle Brigate rosse: "Incredibile. Questa è vera violenza. Non mi fanno paura, mi danno ancora più forza. Andiamo a governare".

Bandiera Marina Imperiale II Reich in caserma carabinieri: scoppia polemica