ARCHIVIO

Il Pd: sottosegretari regionali spesa inutile sulle spalle dei liguri

[caption id="attachment_199980" align="alignleft" width="960"] Il Pd insorge contro la giunta Toti per il caso dei tre sottosegretari regionali[/caption]

GENOVA. 16 MAG. "Ci risiamo. Toti parte nuovamente alla carica con i sottosegretari, ma in Commissione ha dichiarato testualmente di non aver alcuna intenzione di spiegarci perché li vuole istituire, né quali funzioni avranno, come si rapporteranno con le strutture dirigenziali, cosa faranno e quanto guadagneranno. Insomma il presidente della giunta li vuole a tutti i costi ma non ci dice il perché. Anzi, non sa neppure se saranno uno, due o tre".

I consigliere regionali del Pd Raffaella Paita e Pippo Rossetti oggi hanno attaccato il governatore Toti sui sottosegretari.

"All’obiezione che l’Emilia Romagna una regione molto più grande della Liguria, ne abbia uno solo - hanno aggiunto Paita e Rossetti - Toti risponde che non c’entra il numero di abitanti di un territorio con quello degli amministratori. E allora come spiega il fatto che in Toscana, per esempio, ci siano 40 consiglieri regionali e in Liguria 30? Ma poi, presidente Toti, questi sottosegretari cosa dovranno fare e che responsabilità avranno? Risponderanno al presidente o agli assessore? E i funzionari regionali che rapporto avranno con loro? Le uniche ragioni per le quali Toti intende modificare lo statuto regionale e istituire la figura dei sottosegretari sono blindare la propria maggioranza e distribuire riconoscimenti e prebende.

E’ avvilente vedere come tutti gli sforzi che il centrosinistra ha fatto in questi anni per tagliare i costi della politica in Regione Liguria vengano vanificati giorno dopo giorno da questa maggioranza. Noi avevamo abolito i vitalizi, ridotto gli emolumenti e le spese dei gruppi e portato gli assessori da 12 a 7 (anche se la Lega Nord, che ora vuole i sottosegretari, aveva fatto una durissima battaglia affinché gli assessori fossero addirittura 6 e tutti non esterni). Con la Giunta Toti invece i costi sono tornati a salire: due assessori si sono dimessi da consiglieri favorendo l’ingresso in aula di due persone in più e quindi incrementando la spesa dell’ente. E adesso ci mancavano solo i sottosegretari, che tra l’altro, avranno anche bisogno di uno staff o di una segreteria: e quindi di altri soldi pubblici da spendere.

Abbiamo calcolato che in 5 anni il costo per l’ente, soltanto per tre sottosegretari, si dovrebbe aggirare intorno ai 3 milioni di euro (visto che un assessore costa al mese 13764 euro circa): soldi che si potrebbero spendere decisamente meglio e che farebbero molto più comodo al territorio".