ARCHIVIO

Il Pd: 113 regola le code all'Asl e Toti costruisce sanità per ricchi

[caption id="attachment_190356" align="alignleft" width="640"] Il consigliere regionale del Pd Giovanni Lunardon e il capogruppo Raffaella Paita attaccano Toti e Viale[/caption]

GENOVA. 10 MAG. "Mentre l'assessore Viale (ormai completamente avulsa da ciò che accade) raccontava le meraviglie del Libro bianco sula Sanità, e cioè il nulla, ieri mattina allo sportello della Asl 3 del Levante i cittadini infuriati chiamavano il 113 per regolare le code. Un disastro organizzativo senza precedenti".

Lo hanno affermato oggi i consiglieri regionali del Pd Raffaella Paita e Giovanni Lunardon, che hanno attaccato il vicepresidente e assessore regionale alla Sanità Sonia Viale e il governatore ligure Giovanni Toti.

"Di fronte a questa nuova giornata nera, cosa ha intenzione di fare l’assessore? Si è accorta che sia per questa vicenda sia per l’Isee la situazione le è sfuggita di mano? Ma invece di ammettere le proprie colpe e correre ai ripari Viale chiede l'ennesima relazione e una nuova verifica interna, a cui come sempre non farà seguito nulla. Lo fa solo per far passare la nottata, ma è lei la responsabile politica di quanto accaduto. Il quadro è chiaro: la giunta Toti sta costruendo la sanità per ricchi. Chi può si cura e gli altri devono chiamare la polizia per essere assistiti".