ARCHIVIO

Il numero due di Salvini lunedì abbraccia Sabina Rossa

[caption id="attachment_62167" align="alignleft" width="300"] Il sindacalista della Fiom Cgil Guido Rossa, ucciso dalle Br il 24 gennaio 1979[/caption]

GENOVA. 20 GEN. Il numero due di Matteo Salvini e segretario della Lega Nord Liguria Edoardo Rixi è stato invitato alla commemorazione di Guido Rossa, ammazzato sotto casa il 24 gennaio 1979 per vendetta e con ferocia dalla bestia brigatista Riccardo Dura. Il sindacalista della Fiom Cgil che denunciò l'operaio dell'Italsider Francesco Berardi, infiltrato delle Br in fabbrica, venerdì e lunedì mattina sarà ricordato all'Ilva di Cornigliano e davanti al monumento di largo XII Ottobre.

Significa che la classe operaia genovese ha cominciato a ragionare come quella del Veneto, la quale ha detto addio al Pd e alla sinistra da un pezzo, preferendo far confluire i consensi al Carroccio di Luca Zaia.

L'annuncio è stato dato oggi da Rixi, che ha accolto con umiltà la decisione dei lavoratori: "Sono onorato di essere stato invitato alla commemorazione dell'omicidio di Guido Rossa, persona seria, onesta e perbene, prima che sindacalista di grande coraggio. Vorrei stringere la mano e abbracciare sua figlia Sabina. Guido Rossa era un appassionato di montagna come me e bravo alpinista. Tra l'altro, era iscritto alla sezione del Cai di Bolzaneto, dove sono iscritto io".

"Ce la sto mettendo tutta - ha aggiunto Rixi - per salvare occupazione e reddito dei lavoratori genovesi e sviluppare l'economia del territorio ligure. Nonostante Roma e i paletti del Pd, sono sicuro che riusciremo a garantire un futuro per la nostra regione". Fabrizio Graffione