ARCHIVIO

I comunisti: origini terrorismo islamico frutto di azioni Usa e Occidente

GENOVA. 22 MAR. "Oltre al dovuto cordoglio per le famiglie delle vittime, non possiamo per l'ennesima volta limitarci alle solite raffazzonate e ripetitive analisi - ha dichiarato oggi il segretario del partito comunista Marco Rizzo - Siamo stupiti e nauseati da
chi promuove, come soluzione, invasioni militari o "ci vuole più Europa".

Pertanto, i comunisti ritengono "necessario ribadire alcuni punti fermi: 1. origini del terrorismo islamico (a partire dai mujaidin afghani contro l'Armata Rossa per finire alle cosiddette "primavere arabe) sono frutto di azioni degli USA e dell'Occidente, come ha recentemente "confessato" Hillary Clinton. 2. L'imperialismo USA e UE continua imperterrito a saccheggiare risorse prime dai paesi poveri del mondo esportando guerra e finanziando (tramite paesi alleati come Turchia e Arabia Saudita) il terrorismo dell'Isis. Altro che "esportazione della democrazia". 3. Gli ultimi bastioni di Stati laici (ieri la Libia di Gheddafi oggi la Siria di Assad) sono sottoposti a devastanti golpe i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti. 4. Le possenti migrazioni , dovute a guerra e fame, sono funzionali, per l'Unione Europea, alla costituzione di un "esercito industriale di riserva" teso a cancellare i residui diritti dei lavoratori nel continente europeo. In conclusione - dice ancora Rizzo - le uniche cose sensate che si possono auspicare sono: A) Fine di ogni finanziamento diretto o indiretto dell'Occidente alle formazioni estremiste islamiche. B) Rottura immediata di ogni relazione politica ed economica con i paesi che aiutano il terrorismo come Arabia Saudita, Turchia e altri
Paesi del Golfo. C) Istituzione di una legge italiana ed europea sul "salario minimo", cioè nessun lavoratore (autoctono o straniero) può scendere al di sotto di un livello di salario prestabilito per legge, evitando così razzismo e guerre tra poveri. Tutto il resto è "fuffa" politica, in attesa della prossima strage oppure della Terza guerra mondiale".