ARCHIVIO

Genoa, allenamenti a porte aperte fino a domenica

GENOVA 7 LUG. Aprite le porte. Oggi, sabato e domenica. Marcatevi l’appuntamento, se vi va: alle ore 18. A Pegli. Per annotare, chissà, i nomi dei primi marcatori, sia pure in partitelle che contano come il due di briscola, in attesa di una posta in gioco più alta. Ma anche per accogliere i primi drappelli di tifosi al “Pio XII – G.Signorini”, pronti a orientare le antenne verso il campo e captare, a partire da subito, le prime indicazioni sulla rosa in costruzione in un calcio-mercato che, ‘corazzate’ a parte, entrerà nel vivo più avanti per quasi tutti i team. Aprite le porte.

Per esaudire la volontà di mister Juric. In omaggio alla sua filosofia, il contatto con i tifosi è più importante che custodire segreti sotto vuoto con spalti off-limits. Il primo muro nella scorsa stagione, con il divieto di assistere agli allenamenti, venne eretto dopo oltre un mese di allenamenti visibili. Se non è un record, poco ci manca. Un marchio di fabbrica del tecnico croato. Una rarità pesando le abitudini nel calcio di oggi.