Home Politica Politica Italia

Fifoni Fiom: bulloni a bimbi, anziani e donne di Multedo ma buoni buoni con Renzi

6
CONDIVIDI
Migranti Multedo, fiaccolata: corteo pacifici residenti e provocazioni dei violenti

Destinazione Italia, tour in Liguria. L’ex premier e attuale segretario nazionale del Pd, Matteo Renzi, oggi ha anche spiegato ai genovesi che il Jobs Act sarebbe una roba di sinistra. Quindi è stato accolto dai rappresentanti dei lavoratori di Intermarine alla Spezia e poi da quelli di Pavimental (gli edili delle autostrade che lunedì avevano fatto il blocco a Genova Ovest) a Brignole.

Se alcuni lavoratori della Fiom un mese fa avevano violentemente contestato e tirato bulloni o rondelle su anziani, bimbi, donne di Multedo, solo perché manifestavano pacificamente in piazza con la candelina in mano contro il business immigrati, i metalmeccanici stavolta non hanno fatto altrettanto con chi rappresenta il potere al governo.

Gli unici che hanno avuto il coraggio di contestare Renzi di persona (animatamente ma pacificamente) sono stati altri lavoratori. Uno lo ha fermato alla stazione di Taggia, prima del selfie con la ministra Marianna Madia a Sanremo: “Hai alzato le tasse” e “Perché non vai anche a Ventimiglia?”. Gli altri all’esterno dello stabilimento Noberasco a Carcare, che hanno anche esposto cartelli e urlato: “NO Ius soli” e “Renzi servo delle banche”.


L’ex premier, durante la sua visita in Liguria, ha accuratamente evitato di parlare dei casi come Multedo e dello spinoso tema sicurezza e immigrazione, ma soprattutto si è rifiutato di raggiungere Ventimiglia per stringere la mano al sindaco Pd Enrico Ioculano e ai cittadini in ostaggio del caos migranti.

 

6 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here