ARCHIVIO

Expo, Cattaneo e Napolitano attaccano Renzi ed IIT di Cingolani

[caption id="attachment_117036" align="alignleft" width="640"] La sede genovese dell'Istituto Italiano di Tecnologia diretto da Roberto Cingolani[/caption]

ROMA. 11 MAG. In gioco ci sono 80 milioni di euro messi a disposizione dal governo Renzi, che possono aumentare a 1,5 miliardi in dieci anni. La Senatrice a vita Elena Cattaneo oggi ha presentato un ordine del giorno al Senato sul progetto Human Technopole di Milano, per cui è protagonista l'IIT di Genova diretto dallo scienziato Roberto Cingolani. I dubbi e gli attacchi riguardano il governo Renzi e quindi, solo di riflesso, l'Istituto Italiano di Tecnologia.

Cattaneo lo ha definito “un progetto nato in modo improvvisato come non avviene in nessun Paese, che l’Esecutivo ha affidato a un ente, l’Istituto italiano di tecnologia, scelto arbitrariamente come perno dell’operazione senza competizione pubblica”. Inoltre, ha chiesto al governo Renzi di chiarire le procedure e la presunta opacità dell’operazione a favore dell’Istituto Italiano di Tecnologia cui “senza alcun bando pubblico, sono già stati destinati per legge 80 milioni di euro senza controllo e senza un fine chiaro”.

Critiche anche dall’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: “Dal governo decisioni discutibili. Non posso immaginare che non ci sia disponibilità a ripensare decisioni frettolose, che sono largamente discutibili sul piano del metodo e su quello degli interessi generali della ricerca scientifica e dunque del futuro del nostro Paese”.